Categorie
Gastronomia

Cibo tipico dell’Egitto: Baklava

Pasta tagliata a strati sottili, noci tritate e posta tra gli strati e abbondante miele – può anche essere sciroppo -, tutti cotti in forni a legna in stile primitivo, sono gli ingredienti che compongono la Baklava, un piatto che sin dall’antica Mesopotamia ha Conquista chi lo prova ed è diventato un piatto tipico della cucina egiziana.

Baklava (noto anche come baklawa o baclava) ha alcune varianti come sostituire le noci con mandorle o nocciole, forse le più rischiose eseguono una mistura di entrambi gli ingredienti, altre, scelgono di posizionare le noci, ma gli esperti indicano che lontano dal ripieno, che definirà se il Baklava è perfetto o meno, saranno i sottili fogli di pasta.

Per la preparazione di Baklava dobbiamo separare l’impasto in fogli sottili e poi verniciarli con una buona dose di burro fuso. Una volta che abbiamo fatto questa azione in ciascuno dei fogli, procediamo a distribuire i pezzi di noci su di essi e stiamo mettendo insieme strati, uno sull’altro.

Quando abbiamo finito, tagliamo la torta in triangoli di medie dimensioni o in base alle porzioni che vogliamo ottenere. Per sigillare, spruzziamo alcune gocce d’acqua lungo i bordi di ciascuno dei pezzi e li posizioniamo nel forno preriscaldato a 180 gradi Celsius. Il tempo di cottura medio è di quaranta minuti, è importante vedere che il dorado è uniforme negli strati.

Trascorso il tempo indicato, togliamo il Baklava dal forno e lo lasciamo raffreddare per circa quindici minuti. Trascorso questo tempo, lo copriremo con lo sciroppo precedentemente preparato (a base di cannella, zucchero, acqua e succo di limone) e lasceremo riposare per almeno un’ora poiché questo tempo consentirà allo sciroppo di essere impregnato negli strati . Questa deliziosa torta tipica dell’Egitto può essere accompagnata da tè o caffè.

Lascia un commento