Categorie
Guide di viaggio

Guida turistica di Barcellona

Il giro turistico a Barcellona è una possibilità aperta a tutti i tipi di turisti. Le statistiche chiariscono la sua posizione come una delle principali destinazioni turistiche in Spagna, in quanto offre numerose opzioni che vanno dal turismo urbano a quello rurale o gastronomico. In questa guida turistica completa in spagnolo ti mostriamo tutto ciò di cui hai bisogno per la tua prossima visita: dove alloggiare, cosa visitare, cosa vedere gratuitamente, cosa fare con i bambini e molto altro.

Di seguito hai un indice con tutti i punti che tratteremo in questo articolo.

Dati generali

Barcellona è una delle città più turistiche della Spagna, nonché una delle più popolate dopo Madrid. Uno dei suoi principali vantaggi è che in esso il turista nazionale e internazionale può godere di diversi tipi di turismo contemporaneamente: turismo urbano, storico, sole e spiaggia, alternativa …

In accordo con Turismo a Barcellona, sito ufficiale del turismo a Barcellona, ​​le statistiche crescono anno dopo anno. Inoltre, il profilo turistico non è solo internazionale, ma anche i turisti nazionali e locali scelgono di visitare i siti più emblematici della città.

Di seguito una tabella che mostra la percentuale di turisti che hanno soggiornato in hotel nella città di Barcellona in base alla loro origine per gli anni 2014 e 2015:

Origine2014%2015%
Regno Unito8.68.7
NOI8.38.7
Francia8.68.2
Catalogna6.96.2
Italia6.26.5
Germania6.26.0
Madrid3.94.2
Giappone2.22.0
Paesi Baschi1.62.1
Andalusia1.81.7

Barcellona ha anche aumentato le sue cifre in termini di turisti russi, un settore che era caduto negli ultimi decenni, ma in cui c’è stato un nuovo aumento dal 2015, con circa 50.000 visitatori solo durante quell’anno.

Puoi viaggiare a Barcellona a buon mercato o, al contrario, come turista VIP, a seconda del budget che hai pianificato per la tua visita. È una città in cui le opzioni sono infinite, quindi puoi dormire in ostelli economici o mangiare qualcosa di semplice, veloce e ad un buon prezzo. Inoltre, ci sono numerosi voli low cost che arrivano all’aeroporto di Barcellona-El Prat.

Backpacking turismo a Barcellona

Dovresti sapere che esiste un tassa di soggiorno o tasse sui soggiorni negli stabilimenti turistici che devono essere pagati per persona e notte. È una tassa propria pagata dalla Generalitat della Catalogna e varia tra 0,5 e 2,5 € per pernottamento, a seconda della categoria dell’hotel in cui alloggiamo. Questa tariffa non si applica ai minori di 16 anni.

Si consiglia a tutti i turisti di recarsi presso un ufficio turistico per ottenere informazioni sulle attrazioni turistiche di Barcellona, ​​le opzioni di trasporto pubblico, ecc. Vi è una vasta rete di punti di informazione in tutta la città.

Breve storia

La storia di Barcellona risale a 4000 anni fa, quando nacque dall’unione di vari popoli, tra cui iberici, romani, visigoti, ebrei, musulmani e cristiani. Forse i periodi più importanti possono essere riassunti nei seguenti tre periodi:

  • Tempi medievali: La contea di Barcellona acquisisce la preminenza sul resto. Dopo la formazione della Corona d’Aragona, diventa uno dei principali centri politici, economici, commerciali, sociali e culturali del Mediterraneo.
  • XIX secolo: la città cresce a livello demografico, economico e urbano dopo la crisi durante l’era medievale. Il piano Ensanche e l’estensione dell’intero perimetro urbano hanno luogo. Nella sfera sociale, tuttavia, si accentua la lotta di classe tra proletariato e borghesia, che dà origine alla tendenza modernista nel campo artistico.
  • XX secolo: l’agitazione politica culmina nella guerra civile spagnola. Dopo la fine della dittatura di Franco, la città inizia un periodo di recupero con l’arrivo della democrazia.

Dal 21 ° secolo, Barcellona diventa una città prospera e riconosciuta a livello internazionale. Tuttavia, dopo il governo autonomo di Artur Mas nel 2010, c’è stato l’ascesa del movimento per l’indipendenza della Catalogna, che continua oggi in un ampio dibattito politico. Dal 2015 l’ufficio del sindaco è guidato da Ada Colau, sostenitrice di una politica più sociale e libera dalla corruzione.

Estelada blava: bandiera dell'indipendenza catalana

Come ottenere

Se viaggi da un’altra città della Catalogna o nazionale, l’opzione migliore per visitare Barcellona è il treno. Renfe offre una vasta rete a lunga e media distanza attraverso i treni Talgo, Euromed, R. Expres e Alaris, tra gli altri. Ci sono offerte speciali che possono risparmiare molto se acquisti i biglietti in anticipo. La stazione principale per gli arrivi in ​​questo mezzo di trasporto è la Barcelona Sants.

D’altra parte, viaggiare in auto da un’altra città spagnola è una delle opzioni più comuni tra i turisti nazionali. Si trova a circa 620 km da Madrid, 350 da Valencia e circa 300 da Saragozza. Puoi organizzare facilmente il tuo viaggio con un GPS grazie all’applicazione Google Maps o Google Earth. Le guide cartacee Lonely Planet o Repsol offrono anche mappe molto utili.

Tuttavia, viaggiare in auto può spesso essere più costoso rispetto a quando lo facciamo in qualsiasi altro mezzo di trasporto, a causa di elevato numero di pedaggi sull’autostrada che ci va, soprattutto se parti da Valencia. Per vedere le diverse autostrade e i prezzi di diverse città, ti consigliamo di fare clic su questo link.

Pedaggi per viaggiare a Barcellona

Spesso compagnie aeree a basso costo come Ryanair o Vueling offrono voli per Barcellona a prezzi molto convenienti (da € 30), che potrebbero essere un’alternativa al treno o all’auto se il budget è limitato. Inoltre, l’aeroporto di Barcellona-El Prat è uno dei più importanti in Spagna, con numerosi collegamenti in metropolitana, autobus e taxi per il centro città.

C’è anche la possibilità di arrivare in barca o in autobus, sebbene siano le opzioni meno richieste a causa della loro lunga durata. Tuttavia, l’autobus è l’opzione più economica per arrivare, anche se d’altra parte è l’opzione che ti richiederà più ore. In media, un viaggio da Madrid dura circa 8 ore, mentre da Santander può richiedere 10 ore o più.

Mappe della città

Barcellona è una città relativamente grande. Pertanto, se non lo conosci, è consigliabile portare una buona mappa con la quale sai sempre dove ti trovi e non hai il rischio di perderti.

Inoltre, oggi troviamo numerosi tipi di piani, ognuno adattato alle esigenze e ai gusti di ogni persona. In un posto come Barcellona, ​​puoi trovarli in quasi tutte le lingue.

Mappa turistica di Barcellona

Le mappe più consigliate per i turisti sono quelle che indicano dove si trovano le attrazioni più importanti e forniscono una breve spiegazione di ognuna. È anche meglio se è rappresentata la rete di trasporto pubblico.

Dove visitare la città

Cosa vedere e fare è una parte del nostro viaggio che dipende dalla sua durata. Pertanto, il nostro consiglio prima di viaggiare è di organizzare e pianificare i siti turistici che vedrai in base al tempo medio di permanenza della visita a ciascuno di essi.

L’ampliamento dell’area metropolitana di Barcellona la rende una città adatta da fare tutti i tipi di turismo e per tutti i tipi di pubblico, dai giovani ai pensionati. È anche un’ottima opzione per il turismo alternativo, soprattutto se attraversi il Quartiere Gotico, una delle zone più antiche della città.

È una zona turistica dove passeggiare tranquillamente attraverso labirintiche strade di aspetto medievale, mentre allo stesso tempo si godono punti noti come la Cattedrale di Santa Eulàlia, Plaza Sant Jaume, Carrer del Bisbe, Plaza Real o l’ebreo del quartiere.

Se il tuo viaggio sarà solo un fine settimana (2-3 giorni), sarebbe meglio concentrarsi sul distretto di Ensanche, che è l’area in cui i quartieri e i punti principali sono:

  • Mila House
  • Arc del Triomf (Arc de Triomphe)
  • Parc de la Ciutadella
  • Parco zoologico di Barcellona
Visita il Parco zoologico di Barcellona

In un giorno puoi visitare questi punti, lasciandoci la Sagrada Familia, che è un po ‘più lontano, per il prossimo.

I luoghi turistici più importanti di Barcellona sono concentrati in diversi punti e sono il risultato della combinazione di diverse opzioni turistiche: dal turismo urbano alla notte, attraverso altre opzioni come Turismo LGBT. In sintesi, i monumenti e le aree più importanti sono:

Municipio

Conosciuto anche con il soprannome di Ciutat House, si trova in Plaza Sant Jaume. Gli open day sono organizzati il ​​12 febbraio (Santa Eulàlia), il 23 aprile (Sant Jordi) e durante il Corpus Domini. Vale la pena visitarlo per godersi la sua architettura gotica.

Il municipio o la casa della città di Barcellona

Sacra Famiglia

Il tempio espiatorio della Sagrada Familia è una basilica cattolica progettata dal famoso architetto Antonio Gaudí. Sebbene la sua costruzione sia iniziata nel 1882, non è ancora stata completata. È considerato il capolavoro principale di Gaudí e il più grande esponente del modernismo catalano.

Viste del tempio espiatorio della Sagrada Familia a Barcellona

Palau de la Generalitat

In armonia con il caratteristico stile gotico-rinascimentale della città, il Palazzo della Generalitat della Catalogna è uno dei suoi punti più visitati. Si trova nel distretto di Ciutat Vella, in particolare in Plaza de Sant Jaume.

Palau de la Generalitat de Catalunya, Barcellona

Rambla

È una delle strade più centrali, dove troverai innumerevoli bancarelle dove è possibile acquistare dal cibo a Souvenirs dalla città. Se cammini dall’inizio alla fine, raggiungerai il famoso monumento a Colombo, in Plaza del Portal.

https://www.youtube.com/watch?v=cAsjulFPhys

Montjuïc

La montagna di Montjuïc è un punto turistico di visita obbligatoria dovuta in gran parte ai numerosi musei che vi si trovano: Fundació Miró, Museu d’Arqueología, Museu Nacional d’Art de Catalunya (MNAC), ecc.

Estadi Lluís Companys e la torre delle telecomunicazioni di Santiago Calatrava si trovano nella zona nota come “Anello Olimpico”.

Vista sulla città di Barcellona da Montjuïc

Spiagge

Se viaggi in estate, non puoi partire senza visitare le spiagge di Barceloneta, Somorrostro, Sant Miquel, Sant Sebastià o Nova Icària, tutte di grande popolarità. Sitges, nel frattempo, è la destinazione ideale per il turismo gay.

Il del Barceloneta È la prima spiaggia di Barcellona. È un angolo estivo dove puoi goderti molte altre attività oltre a fare un bagno: fai windsurf e kite surf È a portata di mano se sei appassionato di questo tipo di sport.

Vista notturna della spiaggia di Barceloneta

Parco Guell

Il Parc Güell è un parco pubblico situato nella parte alta della città. È il lavoro di Gaudí commissionato dall’uomo d’affari Eusebi Güell, da cui il suo nome.

È considerato Patrimonio dell’umanità «Opere di Antonio Gaudí», perché riflette la pienezza artistica dell’architetto catalano.

Vista dal parco Güell di Barcellona

Basilica di Santa Maria del Mar

Costruito tra il 1329 e il 1383, si trova nel quartiere di Ribera. Attualmente, è una chiesa cattolica di stile gotico catalano la cui fama l’ha resa la protagonista di opere letterarie altrettanto conosciute La cattedrale del maredi Ildefonso Falcones. Si fa anche riferimento ad esso in Il gioco dell’angelo di Carlos Ruiz Zafón.

Interno della Basilica di Santa Maria del Mar, Barcellona

Quartieri Born e Raval

Barcellona offre anche altre possibilità se non vuoi spostarti nelle zone più trafficate. È una delle città più consigliate per Turismo alternativo, con numerosi negozi, librerie, ristoranti e luoghi speciali dove fare cose diverse. I quartieri Born o Raval sono i più consigliabili per godere di questo tipo di strutture.

Monumento all'Arco di Trionfo, Barcellona

Dove stare

Come abbiamo detto sopra, Barcellona ha un’offerta di hotel quasi infinita che si è consolidata dall’inizio dei Giochi olimpici del 1992 fino ad oggi. Qualunque sia il tuo tipo di alloggio preferito, a Barcellona lo troverai sicuramente.

Le migliori zone notte sono quelle di Eixamplelui Quartiere Gotico e il Catalonia Square. Il Paseo de Gracia (Passeig de Gracia in catalano) è anche una delle migliori zone, anche se i prezzi che troverai qui saranno leggermente più alti perché è uno dei punti più centrali, con accesso ai principali punti turistici.

Vista aerea del quartiere Ensanche a Barcellona

D’altra parte, le aree che dovrebbero essere evitate, specialmente al calar della notte, sono le Ramblas e il Raval. Sebbene durante il giorno siano i luoghi più turistici della città, la verità è che di notte non sono i più consigliati.

Se decidi di soggiornare in un hotel, il prezzo medio per persona a notte è di circa € 50 in una struttura semplice senza grandi lussi. Gli hotel più apprezzati sono quelli che, come abbiamo detto prima, si trovano nella zona più vicina al centro, nel qual caso il prezzo medio potrebbe raggiungere € 100.

Per soggiorni superiori a 2-3 giorni, una buona opzione per risparmiare su pranzo e cena potrebbe essere quella di noleggiare un appartamento turistico. Sebbene il costo per notte possa essere leggermente più alto, alla fine è un vantaggio per la nostra tasca perché evitiamo di mangiare fuori ogni giorno, il che finisce per rendere il nostro viaggio più economico.

Vista aerea di Plaza de España, Barcellona

Cosa vedere nei dintorni

Viaggi di 4, 5 o 6 giorni permettono di vedere molti altri siti e angoli della città poco conosciuti. I comuni e le città intorno a Barcellona sono un’opzione eccellente per conoscere la Catalogna in modo più approfondito, quindi ecco alcuni suggerimenti se vuoi esplorare altre aree catalane:

Calella

Questo comune situato sulla costa appartiene al regione di Maresme, A 56 km da Barcellona. È una destinazione molto frequentata dai tedeschi, motivo per cui è popolarmente conosciuta come Calella dei tedeschi. I principali punti di interesse sono il faro, il torrette, la Pineda de Can Dalmau e il lungomare Manuel Puigvert.

Turismo a Calella, provincia di Barcellona

Cardona

Situata nella regione di Bages, questa città ha un castello romanico-gotico che fu costruito nell’886 da Wifredo el Velloso. Altri punti salienti sono la Chiesa di San Miguel, la collegiata di San Vicente de Cardona, il Monte Salt, la Piazza del Mercato e la Torre del Botxí, tra gli altri.

Castello di Cardona nella regione di Bages, in Catalogna

Girona

Girona è una città della Catalogna che si trova a circa 100 km da Barcellona, ​​quindi ci vogliono circa 40 minuti con l’AVE e 1 ora e 30 minuti in auto.

Vale la pena visitare il suo centro storico o Barri Vell, uno dei più belli della Catalogna. Ha monumenti come il Call (ex quartiere ebraico), il colorato Case di Oñar e la cattedrale gotica, considerata la più ampia del mondo.

Case Onyar a Girona, in Catalogna

Rupit e Pruït

È l’ultima città della provincia di Barcellona, ​​appartenente alla regione di Osona. È una piccola città di non più di 400 abitanti dove si può godere la visita di vari Chiese romaniche, come la Chiesa di San Juan de Fábregas o quella di San Lorenzo Dosmunts.

Il Santuario Lontano e l’intero centro urbano, con le sue strade di pietra, sono anche punti chiave.

Case vacanza in Rupit i Pruït

Sabadell

È stata la città pioniera della rivoluzione industriale della Catalogna e, attualmente, è il quinto comune più popoloso, con oltre 200.000 abitanti secondo i dati INE pubblicati nel 2014.

Puoi visitare diversi musei, come la Storia di Sabadell, il Museo d’arte o l’Istituto paleontologico Dr. Miquel Crusafont. Evidenzia anche il suo festival principale, chiamato Aplec de la Salut, in cui le famiglie vanno a piedi all’eremo per mangiare, ballare e svolgere altre attività di gruppo.

Festa dell'Aplec de la Salut a Sabadell

Santa Susana

Scritto Santa Susanna In catalano, appartiene alla regione del Maresme, nella provincia di Barcellona. È uno degli incantevoli villaggi della Catalogna, dove è possibile visitare i luoghi tradizionali della Costa catalana.

Torrentó de Can Gelat, Santa Susanna, Catalogna

Per la sua posizione, è un punto strategico per iniziare le rotte verso la Costa Brava o l’interno della Spagna. La vecchia cappella di Santa Susana o il Molino d’en Jordà (17 ° secolo) sono i principali punti di interesse.

Vic

Questo comune è famoso per i suoi nebbia frequente in inverno, tempo durante il quale vengono raggiunte temperature fino a -10 ° C. In estate, tuttavia, le tempeste sono comuni, il che favorisce la presenza di specie vegetali come la quercia.

Ponte romano di Vic, Barcellona

Si distingue, da un lato, per avere uno dei gruppi medievali più suggestivi della Catalogna; D’altra parte, le loro salsicce, in particolare la salsiccia Vic, sono famose dentro e fuori il paese.

Quando andiamo

Il clima mediterraneo della città provoca inverni freddi ed estati piuttosto calde. Se decidi di viaggiare inverno, tieni presente che la temperatura media è di circa 6-7 ° C, quindi dovresti indossare abiti caldi, soprattutto nei mesi di gennaio e febbraio.

Una buona opzione per andare a Barcellona in inverno è farlo a Natale. Troverai la città decorata con luci natalizie e alberi di Natale nei principali negozi e, inoltre, numerosi mercati sono montati in tutta la città, come il Fira de Santa Llúcia, che si trova proprio di fronte all’ingresso della Cattedrale.

Natale in Plaza de Cataluña, Barcellona

Troverete frequenti piogge torrenziali in autunno e in inverno, soprattutto durante i mesi di settembre e ottobre. Sono comuni forti tempeste accompagnate da fulmini e tuoni. Tuttavia, la città con la pioggia offre infinite possibilità: da bere in un negozio di tè a numerosi centri benessere per rilassarsi.

Luglio e agosto sono i mesi caldi, con temperature di 37 ° C o più. Inoltre, la percentuale di umidità è generalmente elevata a causa della sua posizione sul mare. Pertanto, ti consigliamo di cercare hotel con aria condizionata o almeno un ventilatore se hai intenzione di visitare la città in estate.

D’altra parte, i fan delle celebrazioni di Pasqua Troverai una vasta gamma di attività tradizionali se il tuo soggiorno coincide con il periodo dal 24 al 28 marzo. Esempi di questo sono: la Processione del silenzio di Badalona, ​​la Settimana Santa andalusa a L’Hospitalet o il Venerdì Santo, con il sermone delle sette parole nella cattedrale di Barcellona.

Cattedrale di Barcellona di notte

Come muoversi

La rete di autobus è composta da 80 linee che danno accesso praticamente a qualsiasi angolo della città. Sono completamente adattati alle persone con mobilità ridotta e gli orari sono molto funzionali: dalle 4:25 del mattino alle 23:00. C’è anche un servizio di autobus notturno chiamato Nit bus, con ore dalle 22:40 alle 5:00 del mattino.

La città di Barcellona ha una delle migliori reti di trasporto pubblico in Spagna e in Europa, con 8 linee della metropolitana la cui frequenza di ore di lavoro è di circa ogni 3 minuti. Inoltre, c’è una fermata in tutti i punti centrali della città, rendendola il modo più comodo per visitare rapidamente la città.

Principali linee della metropolitana di Barcellona

Le linee possono essere facilmente identificate perché ognuna ha un colore diverso. Il prezzo di un biglietto singolo è di 2,15 €. Tuttavia, per i turisti è consigliabile acquistare un buono T-10 per € 9,95, che può essere molto più economico rispetto al trasferimento con biglietti semplici, soprattutto se il soggiorno sarà più di un giorno. C’è anche l’abbonamento Ciao Barcellona per periodi fino a 5 giorni.

Se preferisci optare per una forma di turismo più ecologica, la bicicletta è forse l’opzione più consigliata. La città ha le corsie perfettamente adattate per spostarsi da un capo all’altro, compresi i principali parchi. Puoi controllare le principali compagnie di noleggio bici facendo clic su questo link.

Il tessera turistica Barcelona Card È ideale per soggiorni di più di due giorni, in quanto consente di risparmiare tempo e denaro. Si concentra su persone che saranno tra 3 e 5 giorni e il suo principale vantaggio è che combina viaggi illimitati di trasporto pubblico con l’ingresso a tutti i monumenti e musei senza pagare al momento. Per ulteriori informazioni, visitare il sito Web ufficiale all’indirizzo questo link.

Consigli pratici

Essendo la seconda città più grande della Spagna, se hai intenzione di viaggiare a Barcellona ti consigliamo di seguire una serie di suggerimenti per evitare incidenti e rendere il tuo viaggio un successo, anche se decidi di viaggiare con un budget ridotto:

  • Per evitare la fila, si consiglia di acquistare il biglietto online per i seguenti monumenti: Sagrada Familia, Casa Batlló, La Pedrera, Santa Pau Recinte Modernista e Fondazione Joan Miró.
  • Alcuni musei offrono ingresso gratuito la prima domenica di ogni mese dalle 15:00 alle 20:00 Alcuni esempi sono: Museo di storia di Barcellona, ​​Disseny Hub di Barcellona, ​​Museo marittimo di Barcellona, ​​Museo di arti decorative, Giardino botanico e Museo di scienze naturali.
Museo Nazionale d'Arte della Catalogna
  • Secondo l’opinione della maggior parte dei viaggiatori, novembre è il mese migliore per visitare la città, in particolare dopo il ponte di Ognissanti e poco prima della fine del ponte del mese. È il momento in cui troverai meno turisti.
  • È meglio portare una guida di informazioni turistiche e una mappa a mano durante il viaggio.

Se viaggi in treno, la più comune è che la destinazione è la stazione di Barcellona-Sants, dove troverai la maggior parte degli stabilimenti necessari, tra cui un ufficio turistico, un negozio ufficiale del FC Barcelona, ​​l’Hotel Sants e un deposito bagagli, molto utile per spostarsi in città senza dover trasportare bagagli o altri pacchetti.

Questo articolo è stato condiviso 65 volte.

Infine, abbiamo selezionato l’articolo precedente e successivo del blocco “Prepara il viaggio“così puoi continuare a leggere:

Lascia un commento